Torna all'Elenco Attori

Cast: Cicero Vincenzo

Riconoscimenti: 

Premio Colosseo 2016: Miglior Attore Protagonista (Servizio in Camera)
Premio Colosseo 2015: Miglior Attore Non Protagonista (Senza Moccolo! di Fiammetta Veneziano)
Premio Colosseo 2013: Miglior Attore Caratterista (La spallata di Gianni Clementi)
Premio Mecenate 2013: Miglior Attore Non Protagonista (La spallata di Gianni Clementi)
Premio Colosseo 2011: Miglior Attore Non Protagonista (La sora Pia c'aveva du' fije... di Fiammetta Veneziano)

In Scena con altre compagnie: 

Un ispettore in casa Birling

Nasce con la Compagnia e da allora ha fatto parte del cast di tutte le commedie messe in scena dal Delfino. Attore brillante ed arguto, riesce a plasmare i ruoli che gli sono affidati rendendoli esilaranti. E’ dotato naturalmente di tempi comici e le sue interpretazioni sono autentiche e originali. Tra tutte le commedie vanno ricordati i personaggi popolari di Policarpo, in “Nicolino fra li guai”, e di Domenico  nella “Sora Pia”, per il quale ha meritato  il premio Colosseo come migliore attore non protagonista. Inoltre, ha avuto il riconoscimento come migliore attore caratterista con il premio Mecenate, ne “La spallata” e, per lo stesso ruolo, il premio Colosseo come migliore attore non protagonista. Una menzione speciale gli va attribuita per l’interpretazione di Papa Innocenzo X nella commedia “La Pimpaccia de Piazza Navona”, dove è riuscito ad  immedesimarsi in un personaggio affatto comico, rendendolo intenso e divertente al tempo stesso. Nelle ultime stagioni teatrali si è distinto nei ruoli che gli sono più congeniali. Il segretario del senatore Adam, buffo, timido e impacciato, per il quale ha vinto il premio come miglior attore protagonista. In Ladro di razza ha interpretato un individuo codardo, cialtrone, imbroglione di mezza tacca che tira avanti con mezzucci di bassa lega: da questa commistione di furberia e inettitudine, Enzo fa emergere un simpatico imbroglione dal cuore buono che alla fine si lascia coinvolgere completamente in un dramma che non gli appartiene, per puro sentimento, riscattando così il suo nome, con un’interpretazione sincera, commovente e delicata. Brillante e spassoso nel ruolo di Eduardo Perino in Stelle de Roma e in quello di Elio nella commedia In Un Attimo, dove con la sua bonaria visuale della realtà, nella semplicità dei sentimenti e delle aspettative familiari, supporta moglie e figlia nella tragedia che li coinvolgerà. Ruolo difficile in Così è (se vi pare) quello del consigliere Agazzi, in cui il personaggio compiaciuto del notabile cittadino è chiamato in causa per risolvere un mistero e per questo ne sente tutta la responsabilità.