Torna all'Elenco Attori

Cast: Monaco Antonio M.

Riconoscimenti: 

Mania della Regia 2018: Miglior Corto assegnato dai Registi non finalisti (Judas di Antonio M. Monaco)
Mania della Regia 2018: Miglior Drammaturgia (Judas di Antonio M. Monaco)
Mania della Regia 2018: Miglior Corto assegnato dal Pubblico (Judas di Antonio M. Monaco)
Mania della Regia 2017: Miglior Drammaturgia (Reuben di Antonio M. Monaco)
Premio Colosseo 2016: Miglior Locandina (Ladro di Razza di Gianni Clementi)
Premio Colosseo 2015: Miglior Locandina (Senza Moccolo! di Fiammetta Veneziano)
Premio Colosseo 2013: Miglior Attore Non Protagonista (La spallata di Gianni Clementi)
Premio Colosseo 2012: Miglior Locandina (Ocean Arrow di Fiammetta Veneziano)

In Scena con altre compagnie: 

Si soldi chi può, Il mistero del calzino bucato, Drammi serpenti innamoramenti, Febbri metropolitane

Antonio, pur non facendo parte tecnicamente del gruppo dei giovani, è dotato di un aspetto giovanile che gli permette di ricoprire una vasta gamma di personaggi. Ha rivestito nel corso di tanti anni ruoli da caratterista fino ad interpretare figure maggiormente elaborate. Notevole la sua interpretazione dell’agente Wilbur in “Delitto al Castello” dove, con maestria, rappresentava un agente che parlava solo a gesti. L’unica battuta del suo personaggio, quasi alla fine della commedia, consisteva in un “Nooo” detto a gran voce che suscitò l’applauso entusiastico del pubblico. Il suo primo ruolo “importante” è stato quello di Guido Scotti ne “L’incidente”. In questa commedia ha saputo dare vigore al personaggio di un giovane innamorato timido e sciocco, rendendolo contemporaneamente comico e patetico. Anche lui, perfetto nella figura di Romolo, “La Spallata”, si è conquistato il premio Colosseo come migliore attore non protagonista. Esilarante nel personaggio del vecchio cameriere ficcanaso di Servizio in Camera, Antonio ha dimostrato di sapersi destreggiare con abilità e competenza, anche nel ruolo del poliziotto duro, caustico, pieno di rancore costretto a proteggere, suo malgrado, l’ex terrorista Claudio, in Ascendente Cancro. Ultimamente si è dedicato alla regia e alla drammaturgia partecipando ai concorsi Mania Della Regia, dove ha saputo coniugare le sue indubbie doti di coordinamento e direzione artistica con la creazione di testi originali.