Grafica e Soggetto: Antonio Maria Ph e Serafino Filoni